Il mese di novembre 2010 segnerà il debutto di Kinect, la periferica motion sensing con cui Microsoft intende rivoluzionare il nostro modo di giocare con Xbox360.
Ma cosa ci aspetta?
E come saranno i videogiochi che ne accompagneranno il lancio sul mercato?
XCN ha provato a rispondere a queste domande, testando in anteprima l'universo di Kinect nel corso dell'E3 conclusosi da qualche giorno a Los Angeles.

Buona lettura...
Non ho avuto modo di provare tutti i Giochi per Kinect presenti - nel caso di Dance Central.. semplicemente mi è mancato il coraggio! Comunque ne ho sperimentati la maggior parte e ho visto da molto vicino, in strettissimi stand con molto personale, quelli che non ho giocato in prima persona, quindi mi sento abbastanza qualificato per esprimere un commento sulla periferica e su quello che possiamo aspettarci per il suo debutto a Novembre.

L'hardware in sé per sé è molto bello. Ci hanno detto che l'estetica delle unità Kinect in mostra non è ancora quella definitiva, ma dubito che verranno fatti grossi stravolgimenti in tal senso nei prossimi mesi. E' più spesso di quel che sembra a prima vista: sembra una baguette, anche se molto più corta nel senso della lunghezza ovviamente. L'aspetto comunque non è male, e non sfigurerà risultando fuori posto nel salotto di casa - a meno che non sia un salotto parecchio minimalista.

Un'altra cosa che ci è stata illustrata riguarda il fatto che occorre trovarsi ad una distanza di almeno 160 centimetri da Kinect per farlo funzionare a dovere. Circa due metri, quindi per una fruizione ottimale. Arrotondando, potremmo dire che la vostra stanza che non consente uno spazio d'azione intorno ai 170 cm è fuori dai giochi.
Generalizzando, se il nostro sistema X360 si trova in camera da letto potremo quasi per certo usare senza problemi i gesti del corpo per controllare dashboard e menù di gioco, ma non aspettatevi di poter giocare a bowling nel piccolo pertugio tra il letto e la scrivania.

L'ultima osservazione di carattere generale che vorrei fare è che il lag è pressoché inesistente, se non del tutto assente, un miglioramento enorme rispetto allo scorso anno. Non ho notato lag alcuno in nessuno dei giochi che ho provato, e non sono convinto dai report che lo danno come sempre presente ed invasivo. Ma ora basta parlare di hardware e concentriamoci sui giochi!


Kinect Adventures & Kinect Sports

Si tratta di minigiochi divertenti ma piuttosto ripetitivi. Ritengo che possano diventare vecchi e noiosi in relativamente poco tempo: sicuramente questo dipenderà da quali e quanti di questi minigiochi saranno inclusi nel pacchetto finale, ma in sostanza non è nulla che non abbiate già visto in altre forme.
Detto questo, l'interfaccia è semplice ed intuitiva, Kinect è perfetto per questo genere di approccio, senza necessità di sbracciarsi in modo ridicolo. In particolare il Bowling è stato molto divertente, e le sue modalità competitive lo rendono un'ottima opzione per i vostri party! Sappiate però che la temperatura sale e si suda persino un po': è roba energetica. Finché la qualità e la varietà di queste collections si manterrà su buoni standard, non c'è dubbio che esse siano il miglior modo di giocare a questo tipo di minigames, da soli o in compagnia.


Kinectimals

Dirò, non senza imbarazzo, che questo era il gioco per Kinect che ero più impaziente di provare! E non mi ha deluso. Non ci si può non innamorare delle tenerissime creature virtuali con cui andremo a interagire, dargli un nome ed insegnarsi giochini è stato un piacere.
Però, dopo aver provato la demo, sono iniziati a sorgere i dubbi: come si fa a vincere? In cosa consiste la sfida? L'animale non può combattere o morire, e non riceve la visita di altri felini (nel senso che non sono previste modalità co-op o multyplayer). L'hostess che ci illustrava la demo parlava della presenza di differenti aree sbloccabili, ma a domande più puntuali - Deserti? Ambienti acquatici? Gli animali possono nuotare? - ci è stato solo anticipato che tali aree sarebbero state simili a quella da noi vista, quindi una verde radura su di un'isola, eccetto per una location montana più scoscesa.
Per insegnare giochi al cucciolo, come fargli superare un percorso ad ostacoli o altre cose, siamo noi stessi ad eseguire i movimenti necessari. Poichè sicuramente il numero delle interazioni possibili sarà limitato, e poichè non ci sarà modalità competitiva con altri players, siamo di fronte a qualcosa che annoierà ben presto?

Non c'è tuttavia dubbio che, una volta sul mercato, Kinectimals sarà il migliore, meglio realizzato e profondo pet-simulator disponibile: è visivamente ottimo, fluido e con funzionalità extra eccellenti. Ad esempio, saranno venduti dei peluches con delle tag riconoscibili da Kinect sul collare: una volta scansionato dalla telecamera, l'animale entra in-game e possiamo giocare con lui.
Ad ogni modo, non sono certo io il giocatore-target di Kinectimals, e non riesco a coglierne del tutto l'appeal. Non voglio dire che non mi si sia sciolto il cuore la prima volta che ho dato un nome al mio tigrotto e lui mi ha risposto! Ma questo è un "gioco" serio? Non sono ancora convinto.


Your Shape

Di nuovo, difficilmente mi considero il target giusto per questo titolo e, francamente, non comprerei mai un ‘gioco’ di fitness in un milione di anni. Infatti, non lo chiamerei videogioco, tanto quanto non chiamo videogioco Google Maps, ma nonostante tutto Your Shape è veramente impressionante.
L’accuratezza con cui cattura la forma e i dettagli del corpo è davvero stupefacente, e l’estetica del gioco è carina in un modo blando, quasi inoffensivo. Detto questo, i modelli dei personaggi durante le dimostrazioni a schermo degli esercizi sono quasi spaventosi e nonostante so che non è questo ciò che si cerca in questo tipo di videogiochi, non credo che sia una scusa per mostrare modelli poligonali da scorsa generazione.
Procedendo, tutto ciò che la gente cerca in un gioco di fitness è messo a disposizione in Your Shape e anche molto ben implementato. L’IA è quasi schiavizzante, determinata a obbligare il giocatore a fare gli esercizi nella maniera migliore e pronta a elogiarlo quando viene raggiunta la perfezione. Se dovessi fare una previsione, direi che questo gioco farà scalpore; le persone che non sono appassionate di videogame ma vivono in una casa munita di Xbox vi si butteranno dentro grazie agli esercizi tonificanti e dimagranti dal momento che Your Shape è il miglior software per fitness finora realizzato. Ancora, come ho già accennato, non è un semplice videogame, ma solamente un buon software che gira su una macchina per giocare, come succede a FaceBook e Twitter.


Joy Ride

L’elusivo Big Park, sparito dalla circolazione dopo la presentazione all’E3 del 2009, è tornato carico di meraviglie. Facendo un ampio uso dei controlli del Kinect, Joy Ride è una divertente esperienza, rovinata da alcuni piccoli problemi di guida, che mi sento di perdonare per il momento, visto che un gioco che richiede movimenti precisi e concisi come un titolo di guida, sembra sempre un po’ fallato quando viene giocato con un nuovo sistema di comandi. Era vero quando sono stati introdotte le levette analogiche, era vero quando si usava la tastiera ed era vero quando c’era iul D-pad; Kinect sarà soggetto sicuramente alla stessa curva d’apprendimento.
I controlli sono molto semplici; si ruota un immaginario volante per girare, ci si sporge verso la curva per derapare. Per eseguire tricks, bisogna piegarsi mentre si è in volo, e a seconda del movimento che facciamo, verranno eseguite diverse acrobazie; è impossibile sbagliarsi, visto che la macchina si alzerà in volo da sola dopo aver superato una certa altezza dal suolo. La pista che abbiamo visto era un divertente quanto semplice tracciato nella giungla, di quelli che si vedevano già vent’anni fa, ma non è una brutta cosa; questi design si chiamano ‘classici’ per un motivo! Non ci sono freni e l’accelerazione è automatica.
Cosa dire di più… è ok! Sì, è OK! É un divertente, spensierato piccolo gioco di corse che fa il suo lavoro con i controlli del Kinect. Il problema è che io vedo il controller con i suoi pulsanti e input iper-precisi, come una soluzione di gran lunga superiore in un gioco di corse. Questa sensazione è avvalorata dal fatto che ho giocato a Joy Ride con un vero controller e per essere onesti era molto più divertente che con il Kinect. Quello che sarebe stato un divertente e profondo gioco di kart (e gratis per giunta) è stato trasformato in un opaco e banale casual game, e, per quanto il risultato finale non sia malvagio, non si può evitare di chiedersi cosa sarebbe stato altrimenti.


Dance Central

Assolutamente il gioco più sbalorditivo mostrato, Dance Central riaccende la speranza di un buon utilizzo del Kinect, dopo la quantità di minigiochi casual e fitness mostrati finora. Ecco un gioco che si indirizza sia ai non addetti sia agli hardcore gamer, che è divertente a livello facile ed estremamente soddisfacente se lo si gioca ad Esperto. Stile ispirato e cool, grande colonna sonora e gameplay innovativo – è come Rock Band in tutto e per tutto, e questa è una gran cosa!
Il principio del gioco è così semplice e allo stesso così ingegnoso che fa capire chiaramente come il Kinect abbia un sacco di potenziale e che potrà essere sfruttato per giochi veramente affascinanti. Le paure generate dalla mancanza di originalità vista finora in altri titoli – che i giochi per il Kinect saranno solo dei giochi comuni modificati per questa periferica, ma senza la stessa bellezza, o giochi casual, e non per noi – saranno completamente cancellate dopo aver visto Dance Central; questo è il gioco che voglio giocare, il gioco che voglio avere a casa mia, che vorrei provare se lo vedo a casa di qualcun altro. Quel che ha fatto Harmonix è stato guardare la periferica e creare un’esperienza di gioco unica che non può essere fatta con nessun’altra macchina in circolazione. Ogni altro gioco di ballo sembra incredibilmente finto e un po’ triste (non posso immaginare quanti publishers avessero la faccia contorta quando questo gioco fu annunciato). Non puoi giocare a Dance Central con un controller, e non puoi farlo con altri tipi di motion-controller, questo è il Kinect allo stato puro, che mostra tutto il potenziale della periferica più di qualsiasi altra cosa. Vederlo in azione mi ha riempito di speranza per i prossimi anni; non stanno solo generando una quantità di contenuti insulsi e casual, alla fine! Con case come la Harmonix alle spalle, il futuro del Kinect è quanto mai roseo.